×

DIGITA NELLA TUA RICERCA E PREMI ENTER

Caricamento in corso...
City Plans

8 fantastiche cose da fare a dicembre a Roma

Cose da fare per tutti i gusti (e alcune le puoi fare da casa).

By Secret Roma Novembre 24, 2020

dicembre

Per goderti dicembre al meglio!

Dicembre è l’ultimo mese dell’anno e regala a tutti noi un’atmosfera magica ricca di speranza per il futuro. Il periodo non è dei migliori, si sa. Non bisogna, però, lasciare spazio alla tristezza, ecco perché abbiamo deciso di stilare un elenco di cose che si possono fare in sicurezza a dicembre 2020.

Che ne dici?🎄

1. Fitness online gratis: iscriversi a un corso di danza o CrossFit

allenamento

Già dal 1° dicembre inizia il conto alla rovescia per la cena della Vigilia e il pranzo di Natale. Panettoni, pandori, torroni e altre leccornie tipiche del periodo ci aspettano. E allora l’ideale sarebbe proprio prepararsi fisicamente e mentalmente a queste giornate ricche di piatti grassi e calorici. Qui trovi le App per allenarti in casa gratuitamente.

2. Visitare i negozi natalizi a Roma

negozi roma natale

Roma stupisce sempre! E a Natale la capitale è magica. In città ci sono bellissimi negozi dove poter scegliere delle decorazioni originali per un Natale straordinario. Vuoi sognare un po’? Allora visita questi posti natalizi.

3. Visite virtuali ai Musei che ancora non conosci

cappella sistina

Ancora non sappiamo quando riapriranno i musei e questo potrebbe essere un buon momento per conoscere le bellezze del mondo dal tuo salotto. Molti musei hanno deciso di offrire visite gratis online agli utenti. Ecco quelli che abbiamo selezionato per te: Cappella Sistina, Museo Belas Artes Lisbona, Galleria degli Uffizi, Museo Guggenheim Bilbao, Museo Van Gogh, Museo Salvador Dalí.

4. Google Stadia Gratis

google stadia

Il “Netflix” dei videogiochi si chiama Google Stadia e per giocare non hai bisogno né della console né del videogioco. La grande novità è stata la decisione dell’azienda americana di offrire il proprio servizio per un mese gratis, il cui prezzo normale è di 9,99 euro al mese. Per fare ciò, è necessario registrarsi sulla pagina fornendo i propri dati e un metodo di pagamento. Il primo pagamento verrà effettuato dopo un mese.

5. Provare i migliori supplì di Roma

suppli roma

Non c’è pizza senza supplì per noi romani. Quel cuore filante di mozzarella che si scioglie in bocca e la frittura croccante che delizia il palato. Una vera bontà per gli amanti della cucina tradizionale. Ecco perché abbiamo deciso di farti conoscere cinque posti nella capitale dove mangiare dei gustosi supplì. Ci sei già stato?

6. Fare un’indimenticabile passeggiata a cavallo

maneggio

Imparare ad andare a cavallo nella Capitale è un’esperienza unica. Roma è piena di verde con i suoi enormi parchi. Il clima mite e le splendide giornate autunnali consentono anche di fare una bella passeggiata a cavallo tra la natura. Hai sempre voluto imparare questo sport? Bene, potrebbe essere il momento giusto per iniziare: mantieni il distanziamento sociale ed è un’attività all’aria aperta. L’equitazione, inoltre, aiuta l’apparato cardiovascolare e stimola la concentrazione e la memoria.

7. Visitare lo splendido borgo con la cascata in pieno centro

isola del liri

Si chiama Isola del Liri e si trova in provincia di Frosinone. Pochi romani lo conoscono, ma è un borgo molto particolare: una bellissima cascata si trova tra le sue case in centro! Uno scenario da sogno che ha fatto innamorare anche grandi artisti, come il celebre pittore tedesco Jakob Philipp Hackert che si fermò a dipingere la cittadella durante il suo viaggio di ritorno dall’Abruzzo.

8. Visitare il pop-up di Iginio Massari

iginio massari

Fino al 7 gennaio i romani potranno provare i panettoni del famoso pastry chef. Il pop-up di Iginio Massari si trova nella Stazione Termini e nel negozio si potranno acquistare solo prodotti confezionati: la linea di lievitati con diverse tipologie di panettone, il pandoro, il bussolà, i biscotti, i cioccolatini, il torrone e il caffè. Consigliamo di provare la famosa ciambella della tradizione bresciana.

Foto: Alberico Bartoccini/Unsplash