×

DIGITA NELLA TUA RICERCA E PREMI ENTER

Caricamento in corso...

La Befana a Roma: la leggenda romana da scoprire

Secret Roma Secret Roma

navona befana

Per quest’anno niente Befana

Quest’anno purtroppo a causa della pandemia la magica festa della Befana a Roma non ci sarà. La tradizionale manifestazione avrebbe avuto luogo dal 1° dicembre al 6 gennaio. A piazza Navona, quindi, non ci saranno né giostre né bancarelle ad animare questa giornata.

piazza navona
Foto: @berko

La storia legata a Roma

L’evento ogni anno richiama l’attenzione di tantissimi turisti che decidono di trascorrere il Natale nella capitale. La Befana e Roma hanno un legame profondo che dura da secoli. Conosci la storia di questa festa?

Ci sono molte leggende che cercano di raccontare l’origine di questa festa nella capitale. Al principio la Befana non era come la immaginiamo noi ora. Nessuna donna anziana volava su una logora scopa la notte dell’epifania per portare dolci e carbone ai bambini.

Gli antichi romani celebravano la morte e la rinascita attraverso Madre Natura la dodicesima notte dopo il solstizio invernale. E proprio durante le dodici notti aspettavano l’avvento di particolari figure femminili. Dopo la celebrazione, le donne, secondo i romani, volavano sui campi coltivati, affinché il raccolto andasse bene. Secondo alcuni, era Diana (dea lunare) a sorvolare i grandi terreni.

Successivamente la Befana venne associata all’immagine di una strega buona che volava su una scopa, in previsione della rinascita della stagione. Con il cattolicesimo la festa si iniziò a celebrare il giorno della dodicesima notte dopo il Natale, come ora.

Durante il regime fascista, il 6 gennaio 1928 venne celebrata la prima Befana fascista, poi divenuta Befana del duce. E qui la Befana per la prima volta portò regali ai bambini delle classi meno abbienti. Da allora sono quasi cento anni che si festeggia la Befana a piazza Navona, enorme Stadio di Domiziano ai tempi dell’Antica Roma.

Foto principale: Lalupa, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons.

Cultura